Ultima modifica: 27 marzo 2015
CTS Sondrio > Disponibili presso il CTS > Biblioteca > Costruire il Piano didattico personalizzato

Costruire il Piano didattico personalizzato

Le Linee Guida del MIUR obbligano le scuole a stendere ogni anno un documento di programmazione in cui vengono esplicitati gli interventi che si intendono mettere in atto per ciascun alunno con DSA.

Print Friendly, PDF & Email

Le Linee Guida del MIUR obbligano le scuole a stendere ogni anno un documento di programmazione in cui vengono esplicitati gli interventi che si intendono mettere in atto per ciascun alunno con DSA. Si utilizzano normalmente a questo scopo dei modelli cartacei «chiusi», con campi da compilare e opzioni da selezionare con delle crocette, che non permettono di calibrare o modulare le varie voci per un’effettiva personalizzazione. Le voci proposte sono riferite a un generico alunno con DSA, mentre servirebbero spesso delle formulazioni più specifiche che tengano conto del tipo di disturbo, delle sue conseguenze, delle potenzialità emerse, dello stile di apprendimento, del contesto educativo e altro. Ci vorrebbero quindi dei modelli molto più ampi e dettagliati che sarebbero però eccessivamente onerosi nella loro gestione e quindi di fatto improponibili.

Costruire il Piano Didattico Personalizzato offre alle scuole un programma e un manuale per compilare e gestire un PDP non più rigido, ma elaborato di volta in volta in base alle caratteristiche individuali e ai bisogni dell’alunno con DSA, migliorando la qualità del progetto educativo e l’efficacia della comunicazione con la famiglia.

La nuova versione di Costruire il Piano Didattico Personalizzato, oltre alla guida, offre un software per compilare e gestire il PDP migliorando la qualità del progetto educativo e l’efficacia della comunicazione con la famiglia. Con questo sistema multimediale il modello di PDP proposto viene compilato e aggiornato di volta in volta in base alle specifiche necessità dell’alunno con DSA. Per prima cosa viene definito il suo profilo, attraverso un questionario, e in base alle risposte date vengono individuate e proposte le forme di personalizzazione e i supporti di tipo compensativo/dispensativo ritenuti più probabili per l’alunno. Gli insegnanti selezioneranno quelle effettivamente idonee alle sue necessità ma potranno anche graduare l’intervento scegliendo tra le diverse articolazioni proposte della singola voce, da un livello minimo a uno massimo rispetto alla differenziazione con la classe o alla quantificazione delle azioni quando essa sia possibile e significativa.

(dal sito dell’editore)

Print Friendly, PDF & Email