Disabilità cognitiva

Per gli alunni con disabilità cognitiva l’uso del computer come strumento di apprendimento è molto efficace, in grado di aiutare gli insegnanti a superare situazioni di stallo o di rifiuto, anche totali, verso altri approcci didattici. Appare quindi assai più importante, ai fini del risultato finale, il modo in cui si usa il computer, che deve rientrare in una programmazione collegiale ed essere strettamente collegato al Piano Educativo Individualizzato. Fondamentale è il ruolo dell’insegnante che occorre rafforzi la comunicazione, vigili sull’attenzione, potenzi il rinforzo.

Disabilità motoria

I vantaggi dell’uso del computer per una persona con disabilità motoria, sia in termini di autonomia che di autostima e motivazione, sono indiscutibili. Se il disturbo non è molto grave non è sempre necessario dotarsi di prodotti aggiuntivi, hardware o software. Basta personalizzare una normalissima postazione, adattando il PC alle esigenze o alle preferenze di un utente con difficoltà motoria. La personalizzazione è un’operazione importante e delicata che, soprattutto se i problemi motori sono importanti, va eseguita con cura da persona esperta. Se il problema è più serio, è invece indispensabile l’uso di qualche periferica particolare,

Disabilità uditiva
CTS Sondrio

Disabilità uditiva

Gli alunni sordi non richiedono ausili hardware e periferiche specifiche per l’accesso e la manipolazione degli strumenti informatici. Le difficoltà della comprensione dei contenuti veicolati dal computer riguardano le informazioni acustiche e i messaggi verbali veicolati fuori campo. I testi scritti, invece, risultano fruibili se gli alunni hanno sviluppato le competenze linguistiche.

Disabilità di comunicazione

La Comunicazione Alternativa Aumentativa (CAA) Vengono considerate come forme di CAA tutte le modalità di comunicazione che possono facilitare e migliorare la comunicazione di tutte le persone che hanno difficoltà a utilizzare i più comuni canali comunicativi, soprattutto il linguaggio orale e la scrittura. La comunicazione iconica Alla base di molti sistemi di CAA c’è la comunicazione iconica, cioè basata su immagini o set di simboli ai quali è associato un determinato messaggio. Tra i più comuni sistemi di comunicazione iconica da ricordare in particolare il Picture Communication Symbols (PCS) e il Bliss.

Disabilità visiva
CTS Sondrio

Disabilità di visiva

Grazie alle tecnologie informatiche, ciechi e ipovedenti, possono svolgere attività che solo pochi anni fa erano impossibili, se non inimmaginabili: – leggere autonomamente un quotidiano; – consultare un dizionario o un’enciclopedia; – corrispondere per iscritto con chi non conosce il Braille. La lista potrebbe continuare e le tecnologie che hanno consentito questi risultati sono numerose ma fondamentale è stato il passaggio dalla comunicazione attraverso il foglio di carta al documento elettronico.

Testi consigliati

Link esterno al sito della Erickson. Mentre la prima parte del libro ha un taglio teorico e affronta la questione dell'autonomia degli adolescenti con disabilità visiva, l'importanza delle tecnologie come ausili, gli aspetti più significativi della legislazione sull'integrazione,

Link esterno alla Biblioteca italiana per i Ciechi "Regina Margherita"

Articoli